Firenze, una scusa

6 de abril de 2011 | Por | Categoría: Viajes

Por Conchita, Elena, Lucia, Mª Eugenia, Isabel

Non basta che sia considerata il luogo di nascita del Rinascimento, neanche il centro commerciale e amministrativo della Toscana. Ma è una buona scusa per scoprire e, in alcuni casi ritrovare, non solo l´arte e l’ architettura, principalmente le persone che siamo andati li.
Il freddo non ci importava per niente . Siccome tutto si trovava a portata di mano,abbiamo preso Firenze come se fosse un bel luogo per fare passeggiate tutti i giorni

Qualche curiosità
La prima banca d´Italia e forse del mondo si trova a Siena. Dal 1472 c`e il Monte dei Paschi (5 secoli di attenzione per l´arte è la sua pubblicità).
In quell´epoca,lo sviluppo commerciale della città attraeva tantissima gente, anche il numero di pellegrini verso Compostela cresceva, dunque i banchieri mettevano i loro banchi in strada per avvicinarsi ai clienti. Quando i problemi economici sono arrivati , il governo, per ostocolare la concezione di denaro a tasso troppo basso, ha rotto i banchi, da allora è detta la parola bancarotta.
A Firenze ,c’è un´ampia mostra di negozi di lusso. In via Tornabuoni e dintorni, l´abbigliamento è ben rappresentato da tutte le grandi firme , tra le quali i fiorentini Gucci e Ferragano,il cui palazzo è vicino al ponte Santa Trinita.
Non si capisce allora come i vigili urbani indossano quelle uniformi prive da design. Saranno megliori quelle d’ estate?.
Firenze una scuola d´arte
Firenze è una città rinascimentale, nata nel quattrocento.
È un museo all´ aperto dove si assorbe l´arte del secolo xv uguale a come nella cittá moderna vediamo l´arte di oggi.
A Firenze nasce la cupola tipo Santa Maria dei Fiori,realizzata da Brunelleschi che serve di modello a San Pietro del Vaticano e al capitolio de Washinttong.
Nasce anche il nuovo modo di dipingere “il quadro finestra”.
Si chiama cosi perché il nuovo dipinto si assomiglia a un pezzo della natura.L’ esempio di questo dipinto si trova nella cappella Brancaci con gli affreschi di Massaccio,i suoi personaggi si muovono tra alberi, montagne , case. Non succedeva questo nella pintura scorsa ,una pittura piana.
Oltre a ciò, nasce una nuova maniera di scolpire . L´uomo si fa autonomo , smette di toccare il muro ,si libera di tutto e si fa umano soltanto umano, come si vede nella scultura del piccolo Davide di Donatello , una scultura che si fa grande nel Davide di M.Angelo come tutti abbiamo potuto stimare nella visita all´Accademia.

Una gita in Toscana
Un gruppetto abbiamo realizzato una visita a Siena ,dove abbiamo visto il Palio , il Campo, la Chiesa cattedrale e la città mediavale.
Siamo andati anche a San Gimignano” la cittá mediavale dei grattacieli”.
Il suo centro storico è stato dichierato patrimonio mondiale dell´umanita nel 1990. Il borgo è quasi interamente contenuto nella mura duecentesche.
All’ inizio c´erano 71 torri, ma ce ne sono attualmente ancora 14 .
Hanno una diversa altezza perché ogni familia o persona di un certo lignaggio che è venuta a risiedere nella città ha cotruito la sua. A seconda del rango , cosi era l´altezza della torre.
La cittadella anche se piccola è molto ricca d´arte e ha un buen numero di musei e chiese da visitare.
A evidenziare la Piazza della Cisterna unito di edifici dei secoli XII e XIV con un pozzo centrale che data di 1237 .
IL Palazzo del Popolo con la sua torre di 54 metri di altezza che domina la facciata e la Chiesa Collegiata, chiesa romanica risalente al XII secolo con opere di pittori fiorentini e senesi.
San Gimignano è anche una città con uno dei migliori vini bianchi d´Italia , vernaccia de San Gigminano il primo D.O.C. in Italia.
Alla fine tra la bellezza della strade e piazza , la grande quantita di piccoli negozi di ogni genere; una passeggiata per questa cittá diventa un sogno. Sembra che il tempo si sia detenuto.
Una degustazione in mezzo al campo
Abbiamo visitato l´azienda agricola “Tenuta Casanova” all ínterno del parco naturale della Cipresseta di Sant´Agnese nel cuore del Chianti. Siamo stati ricevuti da Rita e Silvano una coppia con molto glamour e abbiamo degustato i loro prodotti.
I vini Chianti classico e super Tuscan.
I prodotti dell’ Acetania invecchiati in piccole boti di legno di reserva di qualche anno fino a riserve di oltre tre decenni.
Una cosa strana, questo aceto l´abbiamo degustato coi ceci.
Il miele dalle api che volano sui fiori della tenuta e che poi usano per il vino mediavale e per i suoi biscotti, realizzato nel modo più classico.
Fabbricano anche prodotti di cosmetica da migliaia di piante di rosmarino e lavanda coltivate nella Tenuta , la crema ,i saponi e gli olii essenziali totalmente naturali.
Malgrado il freddo il viaggio organizzato dalla Scuola è statu perfetto.

Evviva il futuro
Alla fine abbiamo preso quasi tutti i mezzi di trasporto: l´autobus, l’aereo, il treno…. Soltato ci mancava l´aliscafo. Meno male che il prossimo anno in Sicilia lo potremmo fare per vedere le isole eolie.
Comunque credo che tutti stiamo desiderando di fare il prossimo viaggio a questa isola mitica.
Conchita, Elena, Lucia, Mª Eugenia, Isabel.

Etiquetas: ,


Deja un comentario